Tu sei qui

Ignazia Tinti

  • Le gallinelle e gli uccellini, puzzoneddu, con dettagliate e raffinate decorazioni prendono ispirazione dal pane cerimoniale della cultura tradizionale sarda.

  • Il pregiato piatto decorativo in ceramica con il motivo centrale del cuore, su coro, riprende con raffinata poesia elementi del pane cerimoniale preparato nella tradizione sarda per gli sposi con funzione benaugurale.

  • Le due pregiate varianti della Brocca della sposa, elemento principe della tradizione ceramica locale festiva e da corredo, riccamente decorate con spighe, roselline e colombi, evocano nella resa estetica il prezioso pane cerimoniale.

  • Il cuore decorato come un pizzo, con rosselline, foglie e colombi, è una pregiata e poetica trasposizione in ceramica del coccoi pintau, pane tipico della tradizione sarda con funzione cerimoniale e buon augurio.

  • Sa Pudda Froria, la gallina fiorita con ricca e sofisticata decorazione di spighe, fiori e chicchi di grano, è circondata da dodici pulcini che simboleggiano i mesi dell'anno.

L'artigiano

La ceramiche di Ignazia Tinti incantano per la delicatezza dei minuziosi dettagli che evocano con poesia il pane cerimoniale nella tradizione locale. Formata al Liceo Artistico di Cagliari inizia un ricco percorso di ricerca e specializzazione come artista e come ceramista, indagando diverse forme di lavorazione plastica e scultorea, con la significativa esperienza presso la fonderia del noto scultore Franco D’Aspro a Cagliari che la porta ad acquisire la qualifica di orafa. Le diverse competenze tecniche la conducono a raggiungere un'identità stilistica ben definita che affonda le sue radici nella preziosa indagine eseguita sul pane della tradizione sarda, su pani pintau, ricchissimo nelle decorazioni plastiche benaugurati a cui lei s'ispira con distintiva manifattura che è risultato di contaminazioni di tecniche orafe e ceramiche. La gallinella ed i pulcini sono il suo simbolo, riprodotti con accurata, paziente e preziosa manifattura. Personalità sensibile, Ignazia Tinti ha maturato esperienze d'insegnamento con finalità sociali, attivando tra l'altro una lunga collaborazione con la comunità di Padre Morittu dei frati minori Francescani di Sardegna. Il suo laboratorio La Fantastica Bottega ad Assemini, paese di antica tradizione ceramica, è una distintiva e premiata espressione artigianale del vivo sapere locale. Partecipa ed espone ai principali eventi fieristici, concorsi e mostre delle eccellenze locali ed internazionali ed è presente nei più significativi punti vendita dell'artigianato isolano.

La collezione

La produzione di ceramiche di Ignazia Tinti comprende una ricca linea di oggetti decorativi e complementi d'arredo come piatti, ciotole e basi lampade. Distintive Gallinelle, pezzi unici riconoscibili nello stile decorativo con minuziosi dettagli e spesso accompagnate dai pulcini. Altrettanto distintiva e la linea di Brocche, che riprendono la nota brocca della sposa della tradizione ceramica locale eseguita con la perizia e la resa decorativa del pane cerimoniale. La serie Mignon comprende una varietà di minuziosi oggetti che riprendono simbologie benaugurati. Il laboratorio esegue anche vetrate artistiche ed opere su commissione.

La lavorazione

Foggiatura a colombino, al tornio, a lastra e modellatura plastica manuale. Ingobbio, invetriatura e smaltatura ad immersione, pennello, aerografo, aspersione. Decorazione con ricche aggiunte plastiche e accurate pitture policrome a pennello.

Approfondimenti nell'Archivio dei Saperi Artigianali del Mediterraneo

Per conoscere territorio, tecniche, strumenti e materiali, visita le sezioni dell'archivio.

Dove trovarli

Indirizzo:
La Fantastica Bottega di Ignazia Tinti Via Cagliari 195/A Assemini 09032 Assemini (CA)

E-mail: ignazia-tinti@tiscali.it

Telefono: +39 070 944 900; +39 340 74 63 479

Sito web: www.lafantasticabottega.com/