Tu sei qui

Legno

  • Ha particolare funzione il piccolo pensile porta bicchieri e porta bottiglie realizzato con finitura bianca irregolare. Appartiene alla nuova linea di complementi d’arredo ed è proposto in diverse forme, finiture e rese cromatiche.

  • Gallinaccio rampino è un personaggio in legno interamente realizzato a mano con essenze diverse, scarti di lavorazione, assemblati e decorati con bilanciato e vitale equilibrio di forme.

  • Linee pulite e ricercate caratterizzano la sedia in legno sagomato realizzata artigianalmente con accurate rifiniture ed inserti in tessuto lavorato al telaio, in collaborazione con il laboratorio artigiano Su Trobasciu di Mogoro, sensibile richiamo alla tradizione locale.

  • Richiama l’identità isolana il prezioso cofanetto portagioie, sapiente rilettura della cassa nuziale della tradizione sarda.

  • Manufatto di alto pregio e dal fascino senza tempo, il  mobile contenitore in castagno riproduce con maestria tecnica le forme e la decorazione della cassa nuziale della tradizionale sarda.

Il settore

Il settore artigianale del legno in Sardegna, forte di un passato di tradizioni antichissime e codificate, si esprime nelle produzioni contemporanee con nuove quanto diversificate interpretazioni.

Con riconoscibili tratti linguistici nelle decorazioni o con nuove procedure e soluzioni stilistiche, i maestri artigiani locali continuano ad esprimere l’identità isolana attraverso tematiche e suggestioni, rispondendo alle esigenze di un vivere quotidiano sempre più esigente in termini di qualità e personalizzazione.

Sempre usata la tipica decorazione ad intaglio, identificativa delle produzioni tradizionali, realizzata con maestria nei manufatti più pregiati, come sa cascia, la cassa nuziale, oppure con tratto asciutto, in punta di coltello, in sentiti oggetti di uso quotidiano compiuti dagli uomini in contesto agropastorale. In entrambi i casi i segni incisi appaiono come un linguaggio, un racconto scritto da rileggere, espressione di un popolo dalla forte identità.

Distintive le maschere carnevalesche la cui realizzazione è strettamente legata alle tradizioni locali. Inserite tra le attività dell’intaglio, sono prodotte nei paesi di Mamoiada e Ottana, e più recentemente ad Oristano, utilizzate per le caratteristiche feste dei carnevali locali, spettacoli dinamici e coinvolgenti.

Nuove interpretazioni muovono da esperienze più libere e recenti della storia locale che impiegano la lavorazione del legno per la realizzazione di oggetti decorativi, intesi come piccole sculture. Ad aprire la strada è l’artista designer Eugenio Tavolara che nella prima metà del secolo scorso progetta una serie di piccole sculture vestite, i pupazzi, riproduzioni di personaggi e scene di vita della Sardegna tradizionale.